Welfare come strumento di pari opportunità

Il mio contributo per Well Work

L’8 marzo è stata la “Festa della Donna”, giornata in cui è usanza ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donnesono state, e sono ancora, oggetto in quasi tutte le parti del mondo.

Discriminazioni e differenze che si ripercuotono ancora oggi nel mondo del lavoro, tanto che ha fatto notizia una vignetta pubblicata da un miliardario indiano, Anand Mahindra, che ritraeva il suo pensiero circa l’attività lavorativa di uomini e donne, dopo aver curato il nipote per qualche giorno.

In questa vignetta si vedono donne e uomini pronti per recarsi al lavoro, ai posti di partenza in una pista da corsa: mentre la partenza per gli uomini è libera da qualsiasi intoppo, le donne prima di iniziare l’attività lavorati si trovano a dover affrontare le classiche “faccende di casa”, come lavatrici e panni da stirare.

È evidente che se l’immagine della donna è ancorata alle faccende domestiche, ancora prima dei successi lavorativi, poche conquiste sociali ed economiche sono in realtà state riconosciute.

Fortunatamente questa idea sta cambiando, soprattutto nella generazione millennials, ossia coloro che sono nati tra il 1980 e il 2000 in piena rivoluzione digitale, i quali hanno assoluta dimestichezza con il mondo di internet ma vivono durante la più grande crisi economica, che ha riservato per loro un mondo del lavoro saturo, e sono perfettamente consapevoli che nel lavoro come nella vita privata serve un “gioco di squadra”.

Entrambi i genitori sono costretti a lavorare perché un solo stipendio non è più sufficiente e, avendo ogni informazione accessibile nel momento stesso in cui si manifesta un dubbio, hanno perfettamente idea delle potenzialità di un buon piano welfare.

Sono consci che un buon servizio welfare, al giorno d’oggi, ha un impatto maggiore rispetto ad un mero aumento economico.

Lo scopo del welfare è proprio questo: rendere agevole la vita personale e di conseguenza, per tornare alla vignetta citata sopra, è necessario per distribuire equamente i carichi di cura legati ad esempio ai figli piccoli.

Oltre alla possibilità di gestire in maniera flessibile l’orario di lavoro ed anche il luogo, come più volte abbiamo visto attraverso la realizzazione di smartworking, è possibile pensare a permessi aggiuntivitanto per la mamma quanto il papà, in modo che possano darsi il cambio a seconda delle esigenze lavorative e nessuno dei due debba fare delle rinunce.

Infine, ulteriori servizi interessanti possono essere il pagamento di baby sitter, o rimborso delle quote per l’asilo nido e convenzioni con negozi per l’infanzia.

La vita personale deve sempre essere al centro della vita di ognuno e il lavoro non deve mai essere ostacolo per la realizzazione di progetti personali, per questo, attraverso il welfare, è possibile investire tanto sul tempo libero quanto sulla cura di sé e dei familiari.

The following two tabs change content below.
Francesca Zucconi
Laureata in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Pavia. Dopo aver maturato una pluriennale esperienza in gestione delle risorse umane, paghe e contributi, ho sostenuto l'esame di abilitazione alla professione di Consulente del Lavoro e dal 2015 sono iscritta all'ordine provinciale di Pavia. Da sempre appassionata di comunicazione, seguo costantemente corsi di aggiornamento in programmazione neuro-linguistica e neuro-semantica e accanto all'attività tradizionale di Consulente del Lavoro, scrivo per alcune testate di informazione professionale tra cui Lavoroediritti.com