Il lavoro nobilita la donna!

Il mio contributo per Well Work

Recentemente, l’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro, ha pubblicato un interessante focus sull’occupazione femminile.

Sintetizzando quanto riporta l’analisi, è emerso che le donne, principalmente madri, non occupano un ruolo attivo nel mondo del lavoro e, qualora invece siano occupate, hanno un rapporto part time.

Le conseguenze di una simile contrazione sono notevoli, e hanno ripercussioni tanto nella vita personale di ogni donna, quanto in quella familiare e sociale.

Anche se è un aspetto meno tangibile non possiamo scordare la soddisfazione personale: il lavoro nobilita l’uomo, anche se nel nostro caso, la donna! In effetti, fare un lavoro per il quale si è studiato, o anche solo essere impegnati in un’attività che piace e fa sentire utili, rende appagati. Dover rinunciare, ovviamente, porta l’inevitabile conseguenza dell’insoddisfazione.

Al tempo stesso, se le generazioni precedenti potevano permettersi che fosse solo l’uomo a lavorare, al giorno d’oggi, considerando le spese che una famiglia deve sostenere, tra mutuo, bollette, salute ed educazione dei figli, è difficile pensare di poter avere un solo stipendio, ma capita, invece, che non essendoci delle strutture adeguate alla cura dei bambini, le donne debbano scegliere tra il lavoro e la famiglia.

Si genera così un circolo vizioso.

Non vi è dubbio che in primo luogo debba essere lo Stato a preoccuparsi di garantire un servizio efficiente e possibilmente economico per la cura dei bambini di tutte le fasce d’età, evitando così che il disservizio provochi la decisione di uno dei due genitori di rinunciare al proprio lavoro per accudire i figli, con tutto ciò che comporta l’uscita dal mondo del lavoro.

Ancora una volta le aziende possono essere i partner ideali, intervenendo per agevolare e migliorare la vita dei loro lavoratori. In fin dei conti il welfare serve a questo: portare benessere.

Tanti sono i servizi che l’azienda può erogare: dall’inserimento all’interno della propria struttura di uno spazio dedicato all’asilo per i bambini dei propri dipendenti, oppure stipulare convenzioni con strutture situate nei pressi del luogo di lavoro in modo da far risparmiare tempo durante il tragitto ai propri lavoratori.

Un’altra possibile soluzione, e forse quella che permette meno stravolgimenti, risultando altresì di più immediata attuazione, è l’introduzione dello smart working, dando la possibilità ai lavoratori di scegliere il luogo di lavoro in modo da conciliare nel miglior modo possibile tutte le attività lavorative e personali.

Houston, abbiamo un problema!

Il mio contributo per Well Work

“Houston abbiamo un problema” è la tipica frase utilizzata quando ci si trova di fronte ad una situazione imprevista, ad un problema che sembra senza soluzione.

È noto che quando c’è un problema questo diventa l’unica cosa a cui si pensa, intasando la mente, con la tendenza ad ingigantire la situazione e pensando addirittura che non vi possa essere soluzione: un circolo vizioso dal quale diventa difficile uscire.

Questo succede sia quando il problema è personale sia quando è lavorativo: la mente non è lucida, si perde concentrazione, si commettono più errori e diventando complicata anche la routine lavorativa.

Se quando viene riscontrato un problema fisico ci si rivolge ad uno specialista, la stessa cosa dovrebbe essere fatta quando il problema è psicologico. Invece è ancora raro rivolgersi ad uno psicologo: principalmente per la convinzione di poter risolvere tutto da soli e secondariamente perché una decisione di questo tipo crea tutt’ora un ingiustificato disagio.

Ma se questo disagio si riversa nell’attività lavorativa, perché non inserire la figura dello psicologo in azienda come politica di welfare?

Proporre uno spazio di ascolto dedicato ai dipendenti è un forte segnale di interesse da parte dell’azienda verso il benessere dei suoi lavoratori.

I lavoratori possono in questo modo parlare liberamente affrontando e approfondendo le complesse dinamiche lavorative e perché no, anche personali.

Affrontare problemi che sembrano insormontabili fa leva sugli aspetti dell’autovalutazione, dell’autostima e consapevolezza rispetto alle fonti di stress; il lavoratore in questo modo non si sente solo nel suo disagio, forte anche del segreto professionale cui è tenuto lo psicologo.

Lavorando così sulle fonti di stress il lavoratore sarà più sereno, la sua mente più lucida e la capacità di concentrazione e di produttività più alta.

Apparentemente il vantaggio di inserire questa figura sembra essere solo per il lavoratore, in realtà ne beneficia anche l’azienda. In primo luogo, può essere un modo per monitorare il clima aziendale diventando uno strumento di tutela per la salute psicofisica dei suoi lavoratori impattando sulla riduzione dei tassi di incidenza di infortuni ed errori: un lavoratore sereno e concertato è meno esposto a rischi.

Allo stesso tempo avere dipendenti sani influisce positivamente riducendo i costi legati all’assenteismo, al turnover e alla bassa produttività.

Flexible benefit: tutti i vantaggi nell’erogazione di beni e servizi

Il mio contributo per Well Work

I”flexible benefits” rappresentano una misura di welfare costituita da beni, servizi e prestazioni non monetariemesse a disposizione ai lavoratori dal datore di lavoro.

Diventa così una modalità alternativa, ed integrativa, di retribuzione avente lo scopo di aumentare il potere di acquisto dei lavoratori ed agire sulla qualità della vita. Questo perché la parte variabile di retribuzione che potrebbe essere concessa al lavoratore viene sostituita da un paniere di servizi e beni in natura che il lavoratore avrebbe acquistato per sostenere spese personali e familiari.

Il datore di lavoro mette così a disposizione, direttamente o per il tramite di fornitori esterni, un budget di spesa destinato alla formazione del paniere dei servizi che ogni lavoratore può comporre a suo piacimento.

All’interno del paniere possiamo ricondurre i benefit non tassabili individuati tassativamente dall’art. 51 TUIR, ne fanno ad esempio parte:

  • acquisto di abbonamenti a cinema o a teatri;
  • sottoscrizione di polizze sanitarie o di previdenza complementare;
  • iscrizione a corsi di formazione;
  • erogazione di forme di trasporto collettivo;
  • voucher e buoni di acquisto.

Dall’elenco si evince che le erogazioni devono essere connotate dalle finalità di eduzione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto, e rientrando in un piano welfare essere messe a disposizione direttamente dal datore di lavoro o, nel caso di strutture esterne all’azienda, solo se il dipendente rimane estraneo al rapporto economico che intercorre tra l’azienda e il terzo erogatore del servizio. Come tutti i piani welfare, anche in questa soluzione, l’erogazione deve essere prevista per la generalità di lavoratori o categorie omogenee.

In questo modo i vantaggi per i dipendenti sonoimmediatamente evidenti: si avvale di un servizio di cui avrebbe in ogni caso usufruito, ma senza aver alcuna incidenza sulla parte contributiva né tanto meno fiscale della retribuzione, riducendo così anche l’impegno economico dell’azienda.

Infine, l’introduzione di flexible benefits all’interno dell’azienda può non essere una mera decisione del datore di lavoro, ma una spinta esterna: è il caso del CCNL Metalmeccanici che già dal 2017 aveva previsto che per tutti i lavoratori doveva avvenire l’erogazione di “beni flessibili”, inizialmente con un importo pari a 100,00 Euro il primo anno, per arrivare al doppio nel 2019.

Il CCNL stabilisce solamente un principio di linea generale, che poi dovrà essere attuato dall’azienda.

In questo caso è bene ricordare che l’erogazione di welfare attraverso flexible benefits non è una mera scelta aziendale ma un vero e proprio dovere per il datore di lavoro, di adempiere correttamente al contratto.

Il Welfare aziendale come integrazione del welfare state

Il mio contributo per Well Work

La Costituzione Italiana all’art38 recita “i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria” identificando così una prima origine di welfare.

Il cd. “Welfare State” indica un complesso di politiche pubbliche, attuate dallo Stato, volte a rispondere ai bisogni dei cittadini e garantire loro assistenza e appunto benessere.

Lo “Stato del benessere” ha quindi il compito principale di garantire servizi, al fine di migliorare le condizioni dei propri cittadini, primi fra tutti istruzione e sanità, e non meno importante sostenerli al verificarsi di eventi che possano pregiudicare la loro sicurezza economica, tipico caso in cui un lavoratore perda involontariamente il proprio lavoro e può godere temporaneamente dell’indennità di disoccupazione.

A causa però di crescenti pressioni dovute a vincoli di bilancio, che impediscono l’aumento della spesa sociale e obbligano al contenimento dei costi ed anche al cambiamento dei bisogni sociali, dato principalmente da un invecchiamento costante della popolazione con conseguente mancanza di ricambio generazionale, i bisogni sociali hanno subito una trasformazione, incidendo particolarmente su sanità e previdenza, generando in parte uno stallo nella risposta del welfare state.

Questo progressivo indebolimento nei servizi di istruzione, sanità, previdenza, messi a disposizione dallo stato sociale implica una progressiva sfiducia da parte di aziende e lavoratori.

Così la risposta a questa sfiducia arriva sempre più frequentemente dalle aziende, mettendo in atto il “Welfare Aziendale”.

Questa forma identifica somme, beni, prestazioni, opere, servizi corrisposti al dipendente in natura o sotto forma di rimborso spese, aventi finalità di rilevanza sociale ed esclusi, in tutto o in parte, dal reddito di lavoro dipendente: è quindi l’insieme delle attività previste dalle aziende al fine di promuovere il benessere dei suoi lavoratori e dei loro familiari.

Lo scopo è pressoché simile e, proprio per questa ragione, queste due modalità di welfare non devono essere pensate e viste come due realtà parallele: se il “primo welfare” o welfare state ha natura pubblica e obbligatoria garantendo servizi essenziali, il “secondo welfare” ha il compito di integrare questi servizi, perché, in primo luogo, ha una struttura più flessibile e, secondariamente, viene rivolto a categorie specifiche in relazione alle specifiche esigenze.

All’interno di ogni singola azienda, infatti, è facilmente misurabile quale servizio è ritenuto maggiormente carente a livello di welfare state, e di conseguenza l’azienda ha maggiore facilità nel programmare un welfare mirato.

Welfare come strumento di pari opportunità

Il mio contributo per Well Work

L’8 marzo è stata la “Festa della Donna”, giornata in cui è usanza ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donnesono state, e sono ancora, oggetto in quasi tutte le parti del mondo.

Discriminazioni e differenze che si ripercuotono ancora oggi nel mondo del lavoro, tanto che ha fatto notizia una vignetta pubblicata da un miliardario indiano, Anand Mahindra, che ritraeva il suo pensiero circa l’attività lavorativa di uomini e donne, dopo aver curato il nipote per qualche giorno.

In questa vignetta si vedono donne e uomini pronti per recarsi al lavoro, ai posti di partenza in una pista da corsa: mentre la partenza per gli uomini è libera da qualsiasi intoppo, le donne prima di iniziare l’attività lavorati si trovano a dover affrontare le classiche “faccende di casa”, come lavatrici e panni da stirare.

È evidente che se l’immagine della donna è ancorata alle faccende domestiche, ancora prima dei successi lavorativi, poche conquiste sociali ed economiche sono in realtà state riconosciute.

Fortunatamente questa idea sta cambiando, soprattutto nella generazione millennials, ossia coloro che sono nati tra il 1980 e il 2000 in piena rivoluzione digitale, i quali hanno assoluta dimestichezza con il mondo di internet ma vivono durante la più grande crisi economica, che ha riservato per loro un mondo del lavoro saturo, e sono perfettamente consapevoli che nel lavoro come nella vita privata serve un “gioco di squadra”.

Entrambi i genitori sono costretti a lavorare perché un solo stipendio non è più sufficiente e, avendo ogni informazione accessibile nel momento stesso in cui si manifesta un dubbio, hanno perfettamente idea delle potenzialità di un buon piano welfare.

Sono consci che un buon servizio welfare, al giorno d’oggi, ha un impatto maggiore rispetto ad un mero aumento economico.

Lo scopo del welfare è proprio questo: rendere agevole la vita personale e di conseguenza, per tornare alla vignetta citata sopra, è necessario per distribuire equamente i carichi di cura legati ad esempio ai figli piccoli.

Oltre alla possibilità di gestire in maniera flessibile l’orario di lavoro ed anche il luogo, come più volte abbiamo visto attraverso la realizzazione di smartworking, è possibile pensare a permessi aggiuntivitanto per la mamma quanto il papà, in modo che possano darsi il cambio a seconda delle esigenze lavorative e nessuno dei due debba fare delle rinunce.

Infine, ulteriori servizi interessanti possono essere il pagamento di baby sitter, o rimborso delle quote per l’asilo nido e convenzioni con negozi per l’infanzia.

La vita personale deve sempre essere al centro della vita di ognuno e il lavoro non deve mai essere ostacolo per la realizzazione di progetti personali, per questo, attraverso il welfare, è possibile investire tanto sul tempo libero quanto sulla cura di sé e dei familiari.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: