Dipendenti pubblici e visite fiscali INPS: cosa cambia?

Dipendenti pubblici: al via il Polo unico delle visite fiscali INPS

Come cambiano le regole delle visite fiscali per i dipendenti pubblici? Dal il 1° settembre scorso è diventato operativo il Polo unico per le visite fiscali, con l’attribuzione all’INPS della competenza esclusiva ad effettuare gli accertamenti medici di controllo su richiesta delle Pubbliche amministrazioni, in qualità di datori di lavoro, e d’ufficio.

Le novità più importanti riguardano il numero dei controlli che sarà elevato e le visite verranno effettuate, maggiormente, a ridosso e durante giorni festivi e weekend; l’INPS ha precisato altresì che potranno anche essere effettuate due visite mediche di controllo al giorno allo stesso dipendente.

Ferie e malattia: chi interrompe cosa?

ferie e malattia

 

Malattia e ferie: chi vince?

Nello svolgimento della propria attività lavorativa può accadere che insorga una malattia durante la fruizione delle ferie, o appena prima di queste.

Vediamo come bisogna comportarsi in questi casi.

Innanzitutto è bene ricordare che le ferie sono un periodo di stacco dall’attività lavorativa volto al recupero delle energie psico-fisiche.

Leggi anche: Ferie, ecco tutto quello che devi sapere

Il lavoratore in malattia, può rientrare prima al lavoro?

Il lavoratore in malattia, può rientrare prima al lavoro?

 

Il lavoratore assente per malattia è tenuto a comunicare al proprio datore di lavoro la sua assenza e la durata della stessa, dando informazione del numero di protocollo del certificato medico.

Può però accadere che il lavoratore guarisca prima rispetto alla data indicata sul certificato medico e voglia rientrare al lavoro, ci sono però delle regole da rispettare.

Guarigione anticipata: il datore di lavoro può far rientrare il lavoratore?

Il datore di lavoro, infatti, nel caso di cui sopra non può far rientrare il lavoratore in anticipo rispetto a quanto pronunciato sul certificato medico: l’INPS specifica che è un obbligo del datore di lavoro (non un facoltà) attendere la data riportata nel certificato telematico.

Visita Fiscale: Guida Completa agli Orari delle Visite

VISITA FISCALE, STUDIO ZUCCONI, CONSULENTE DEL LAVORO, PAVIA

Spesso il lavoratore in malattia non conosce gli orari in cui può essere sottoposto a visita fiscale, soprattutto perché differenti tra settore pubblico e privato, per questo motivo abbiamo pensato di creare una guida di facile consultazione.

All’insorgere della malattia il lavoratore è tenuto a comunicare, appena possibile ed entro comunque il tempo stabilito dal contratto collettivo applicato in azienda, l’assenza al datore di lavoro ed il numero di protocollo identificativo del certificato telematico che il medico curante ha rilasciato al lavoratore e contestualmente inviato all’INPS, in modo che il datore di lavoro accedendo tramite il sito web possa visualizzarlo.

La tempestività nel compiere queste azioni è fondamentale: in primo luogo perché nel caso in cui il lavoratore si rechi dal proprio medico curante il giorno successivo al verificarsi della malattia perde la retribuzione riferita al primo giorno, secondariamente grazie all’informazione in tempo reale, è possibile l’invio del medico fiscale sin dal primo giorno di assenza, sia da parte del datore di lavoro, sia dell’INPS, nell’ambito dei controlli a campione.