PrestO e Libretto Famiglia: istruzioni operative INPS

presto e libretto famiglia: istruzioni operative INPS

 

PrestO e Libretto Famiglia, uscita la circolare INPS con indicazioni operative.

Con la Circolare INPS n. 107 del 05 luglio 2017 vengono forniti i primi chiarimenti sul lavoro occasionale, previsto dall’articolo 54 bis della Legge 21 Giugno 2017, n. 96.

Vediamo il dettaglio.

 PrestO 

La misura del compenso è fissata dalle parti, purché non inferiore al livello minimo, stabilito dalla legge in € 9,00 per ogni ora di prestazione lavorativa (con un minimo giornaliero di 36 euro ).

Al compenso spettante al prestatore, si applicano i seguenti oneri a carico dell’utilizzatore:

  • contribuzione ivs alla Gestione separata INPS, nella misura del 33,0 %;
  • premio assicurativo INAIL, nella misura del 3,5 %.

Prendendo quindi il compenso minimo orario di € 9,00, la misura degli oneri è pari a € 2,97 (INPS), € 0,32 (INAIL).

 Libretto Famiglia 

Il Libretto Famiglia è composto da titoli di pagamento, il cui valore nominale è fissato in 10,00 euro, utilizzabili per compensare prestazioni di durata non superiore ad un’ora.

Il valore nominale di 10 euro è così suddiviso:

  • € 8,00 per il compenso a favore del prestatore;
  • € 1,65 per la contribuzione ivs alla Gestione separata INPS;
  • € 0,25 per il premio assicurativo INAIL;
  • € 0,10 per il finanziamento degli oneri di gestione della prestazione di lavoro occasionale e dell’erogazione del compenso al prestatore.

Per maggiori informazioni, contattaci!

Lavoro occasionale: approvata la Legge!

lavoro occasionale

Nella seduta del 15 giugno 2017, con 144 voti favorevoli, 104 contrari e un astenuto il Senato della Repubblica ha rinnovato la fiducia al Governo, approvando definitivamente il DDL n. 2853 di conversione in legge del decreto-legge n. 50/2017 in materia finanziaria, nel testo identico a quello approvato dalla Camera.

La norma, tra le altre cose, prevede l’introduzione della nuova disciplina sul lavoro occasionale.

Vediamo brevemente le novità introdotte.

Lavoro occasionale: nuovi limiti

  • 5.000 euro per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori;
  • 5.000 euro per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori;
  • 2.500 euro per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore.

Lavoro occasionali: chi vi potrà fare ricorso

  • le persone fisiche, non nell’esercizio dell’attività professionale o d’impresa, mediante il Libretto Famiglia;
  • gli altri utilizzatori, mediante “Contratto di prestazione occasionale”, purché non abbiano alle proprie dipendenze più di 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato.

Per maggiori informazioni, contattaci!

Abrogazione del lavoro accessorio – VOUCHER

 

Abrogazione del lavoro accessorio - VOUCHER

Durante il Consiglio dei Ministri tenutosi in data odierna,  su proposta del Ministro del Lavoro, è stato approvato un decreto legge volto ad abrogare l’istituto del lavoro accessorio ossia i  voucher.

Sul sito del Governo viene riportato il comunicato stampa in cui si legge di un regime transitorio fino al 31.12.2017, tempo utile per consentire l’utilizzo dei voucher già acquistati alla data di entrata in vigore del decreto legge.

A questo punto non resta che attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto per capire meglio tempi e modalità del regime transitorio e dell’abrogazione del lavoro accessorio.

Hai bisogno di una consulenza personalizzata per la tua situazione? Contattami!

NASpI e lavoro autonomo, subordinato e voucher: compatibilità e cumulabilità

NASpI e lavoro autonomo, subordinato e voucher: compatibilità e cumulabilità
Pubblichiamo di seguito l’articolo scritto per Lavoroediritti.com

Durante il periodo di disoccupazione, mentre si percepisce l’indennità di disoccupazione NASpI, il soggetto disoccupato può essere chiamato per intraprendere una nuova attività lavorativa autonoma, dipendente o occasionale.

Uno dei principali dubbi in merito alla disoccupazione riguarda la cumulabilità tra Naspi e lavoro autonomo o subordinato.

Partendo dal presupposto che in alcuni casi è possibile continuare a percepire il sussidio di disoccupazione NASpI e avere un lavoro autonomo (con partita IVA o parasubordinato) o un lavoro dipendente, o prestare lavoro occasionale, vediamo quali sono le regole e limiti previsti dalla legge.

Leggi anche: NASpI 2017

Voucher: nuova procedura di attivazione

voucher lavoro accesorio

A seguito dell’entrata in vigore del decreto legislativo 185/2016 è stata introdotta una nuova procedura di attivazione per il lavoro accessorio, i cosiddetti voucher.

È bene specificare che le novità riguardano sia professionisti sia imprenditori anche agricoli, mentre nessuna differenza interessa i committenti privati.

Fermo restando la registrazione della prestazione sul portale INPS che permette di evitare l’applicazione della sanzione per lavoro nero, in aggiunta, dallo scorso 8 ottobre è necessario un’ulteriore comunicazione da inviare tramite e-mail.