SCADENZE: FEBBRAIO 2018

SCADENZE FEBBRAIO 2018

SCADENZE DEL 16 FEBBRAIO:

  • versamento con modello unificato (Mod.F24) delle ritenute effettuate sui compensi del mese precedente;
  • versamento con modello unificato (Mod. F24) del saldo dell’imposta sostitutiva applicata sui redditi derivanti dalle rivalutazioni dei fondi per il TFR maturate nell’anno solare precedente;
  • versamento con modello unificato (Mod.F24) dei contributi previdenziali ed assistenziali sui compensi relativi al mese precedente;
  • versamento con modello unificato (Mod.F24) da parte di artigiani e commercianti della 4a rata trimestrale di contributi dell’anno precedente calcolata sul minimale;
  • INPGI: elaborazione mediante procedura DASM e presentazione in via telematica con i servizi ENTRATEL o FISCONLINE della denuncia contributiva e versamento con modello unificato (Mod.F24-Accise) dei contributi relativi al mese precedente;
  • INAIL versamento della regolazione dell’anno precedente e della rata dell’anno in corso; comunicazione della riduzione delle retribuzioni presunte per l’anno in corso.

SCADENZE DEL 20 FEBBRAIO:

  • ENASARCO: versamento dei contributi relativi al 4° trimestre dell’anno precedente, esclusivamente con procedura telematica.
  • FONCHIM: versamento dei contributi dovuti al fondo di previdenza complementare Fonchim.

SCADENZE DEL 25 FEBBRAIO:

  • ENPAIA: versamento dei contributi relativi al mese precedente per gli impiegati delle aziende agricole.

SCADENZE DEL 28 FEBBRAIO:

  • INPS: trasmissione telematica dei dati contributivi e retributivi di ciascun lavoratore relativi al mese precedente (flusso UniEMENS);
  • INPS – Gestione Spettacolo: trasmissione in via telematica denuncia contributiva unificata relativa al mese precedente;
  • INAIL: Denuncia delle retribuzioni con la procedura on-line; istanza per ottenere la riduzione del tasso medio di tariffa per interventi di prevenzione, esclusivamente in via telematica
  • FASI: versamento dei contributi relativi al 1° trimestre dell’anno in corso.

 

Gli adempimenti sono stati inseriti con le loro scadenze naturali: ricordiamo che i versamenti che cadono nei giorni festivi si intendono prorogati al primo giorno feriale successivo.

SCADENZE: GENNAIO 2018

scadenze gennaio 2018

SCADENZA DEL 10/01

  • ELENCO SOCI PESCATORI (L.250/1958): invio telematico denuncia annuale;
  • INPS: versamento contributi per i Lavoratori Domestici relativi al trimestre ottobre – dicembre;
  • Fondo Mario Negri (Dirigenti Commercio): versamento contributi relativi al trimestre ottobre – dicembre;
  • Fondo Mario Besusso (Dirigenti Commercio): versamento contributi relativi al trimestre ottobre – dicembre;
  • Associazione Antonio Pastore (Dirigenti Commercio): versamento contributi relativi al trimestre ottobre – dicembre.

SCADENZA DEL 15/01

  • Modello 730: richiesta, da parte dei sostituti di imposta che prestano l’assistenza fiscale diretta, della preventiva comunicazione dei lavoratori interessati

SCADENZA DEL 16/01

  • versamento ritenute relative alle retribuzioni erogate nel mese di dicembre (comprese ritenute dei collaboratori coordinati e continuativi);
  • versamento Addizionali regionale e comunale IRPEF (rate calcolate in sede di conguaglio fiscale 2016 e dipendenti o collaboratori cessati nel 2017);
  • versamento contributi INPS ed ENPALS sulle retribuzioni di dicembre;
  • versamento contributi INPS Gestione Separata relativi ai compensi erogati nel mese di novembre: causali contributo C10 o CXX;
  • INPGI e CASAGIT: denuncia “unica” e versamento contributi sulle retribuzioni relative al mese di novembre.

SCADENZA DEL 22/01

  • PREVINDAI: denuncia e versamento contributi relativi al trimestre ottobre – dicembre;
  • PREVINDAPI: versamento dei contributi relativi al trimestre ottobre – dicembre.

SCADENZA DEL 25/01

  • ENPAIA: denuncia telematica mensile delle retribuzioni relative al mese di dicembre e contestuale versamento dei relativi contributi previdenziali per gli impiegati e dirigenti agricoli;

SCADENZA DEL 30/01

  • ELENCHI FACCHINI: invio telematico della denuncia relativa al trimestre ottobre – dicembre.

SCADENZA DEL 31/01

  • PROSPETTO DISABILI: invio prospetto sullo stato occupazionale al 31 dicembre dell’anno precedente a quello della denuncia.

Se rispetto all’ultimo prospetto inviato non avvengono cambiamenti nella situazione occupazionale tali da modificare l’obbligo o da incidere sul computo della quota di riserva, il datore di lavoro non è tenuto ad inviare il prospetto.

  • LUL: ultimo giorno utile per l’elaborazione del LUL riferito al mese di dicembre;
  • INPS – UniEMens: presentazione per via telematica delle denunce retributive e contributive relative al mese di dicembre per:
    • lavoratori dipendenti “privati”, compreso spettacolo e sportivi professionisti (sezione “PosContributiva”);
    • lavoratori iscritti alla Gestione Separata (sezione “ListaCollaboratori”);
    • lavoratori pubblici ex-INPDAP (sezione “ListaPosPa”);
  • INPS (Agricoltura Modelli DMAG UNICO): invio telematico della denuncia contributiva relativa al trimestre ottobre – dicembre.

Gli adempimenti sono stati inseriti con le loro scadenze naturali: ricordiamo che i versamenti che cadono nei giorni festivi si intendono prorogati al primo giorno feriale successivo.

SCADENZE: DICEMBRE 2017

scadenze dicembre 2017

 

SCADENZA DEL 16/12 

  • versamento ritenute relative alle retribuzioni erogate nel mese di novembre (comprese ritenute dei collaboratori coordinati e continuativi);
  • versamento Addizionali regionale e comunale IRPEF (rate calcolate in sede di conguaglio fiscale 2016 e dipendenti o collaboratori cessati nel 2017);
  • versamento contributi INPS ed ENPALS sulle retribuzioni di novembre;
  • versamento contributi INPS Gestione Separata relativi ai compensi erogati nel mese di novembre: causali contributo C10 o CXX;
  • INPGI e CASAGIT: denuncia “unica” e versamento contributi sulle retribuzioni relative al mese di novembre;
  • versamento acconto imposta sostitutiva sulla rivalutazione TFR;
  • nel caso di rateizzazione dei debiti 730, versamento della quarta rata (ditte che pagano le retribuzioni a inizio mese successivo) o quinta rata (ditte che pagano le retribuzioni a fine mese) del saldo e primo acconto IRPEF, imposta sostitutiva 10%, Addizionali regionale/comunale IRPEF e acconto d’imposta 20% su redditi soggetti a tassazione separata derivanti da conguagli 730 operati sulle retribuzioni erogate nel mese di novembre;
  • versamento contributi INPS operai agricoli (OTI e OTD) relativi al secondo trimestre 2017.

Periodo di paga dicembre:

  • conguaglio 730 integrativo (rimborso minori debiti o maggiori crediti)
    • cedolini di novembre pagati in dicembre;
    • cedolini di dicembre pagati in dicembre
  • erogazione tredicesima mensilità;
  • conguaglio fiscale 2017 e calcolo delle addizionali Irpef regionali e comunali 2017, da trattenere in rate a partire dal 2018.

 

SCADENZA DEL 25/12 (slittamento al 27/12)

  • ENPAIA: denuncia telematica mensile delle retribuzioni relative al mese di novembre e contestuale versamento dei relativi contributi previdenziali per gli impiegati e dirigenti agricoli.

SCADENZA DEL 31/12 (slittamento al 02/01/2018)

  • LUL: ultimo giorno utile per l’elaborazione del LUL riferito al mese di novembre;
  • INPS – UniEMens: presentazione per via telematica delle denunce retributive e contributive relative al mese di novembre per
    • lavoratori dipendenti “privati”, compreso spettacolo e sportivi professionisti (sezione “PosContributiva”);
    • lavoratori iscritti alla Gestione Separata (sezione “ListaCollaboratori”);
    • lavoratori pubblici ex-INPDAP (sezione “ListaPosPa”).

Gli adempimenti sono stati inseriti con le loro scadenze naturali: ricordiamo che i versamenti che cadono nei giorni festivi si intendono prorogati al primo giorno feriale successivo.

SCADENZE: LUGLIO 2017

SCADENZE LUGLIO 2017

SCADENZE DEL 07 LUGLIO:

  • Modello 730/2017: invio per i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi tramite CAF o commercialisti.

SCADENZE DEL 16 LUGLIO:

  • versamento con modello unificato (Mod.F24) delle ritenute effettuate sui compensi del mese precedente;
  • INPS: versamento con modello unificato (Mod.F24) dei contributi previdenziali ed assistenziali sui compensi relativi al mese precedente;
  • INPS – GESTIONE SPETTACOLO: versamento con modello unificato (Mod.F24) dei contributi previdenziali ed assistenziali sui compensi relativi al mese precedente;
  • INPGI: elaborazione mediante procedura DASM e presentazione in via telematica con i servizi ENTRATEL o FISCONLINE della denuncia contributiva e versamento con modello unificato (Mod.F24-Accise) dei contributi relativi al mese precedente.

SCADENZA DEL 24 LUGLIO:

  • Modello 730/2017: termine ultimo per l’invio del modello 730 precompilato per i contribuenti che si avvalgono della presentazione in forma autonoma.

 

SCADENZE DEL 31 LUGLIO:

  • INPS: trasmissione telematica dei dati contributivi e retributivi di ciascun lavoratore relativi al mese precedente (flusso UniEMENS);
  • INPS GESTIONE SPETTACOLO: trasmissione in via telematica denuncia contributiva unificata relativa al mese precedente;
  • Versamento delle imposte sui redditi Irpef, Ires e Irap per i contribuenti che hanno scelto il pagamento a rate ovvero con maggiorazione dello 0,40% rispetto alla scadenza ordinaria del 30 giugno 2017.
  • Presentazione del modello 770/2017: dai sostituti d’imposta e dalle Amministrazioni dello Stato per comunicare dati delle compensazioni operate nonché per l’indicazione dei crediti d’imposta utilizzati e dei dati relativi alle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi e dati relativi alle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale od operazioni di natura finanziaria e i versamenti effettuati.
  • Invio della Certificazione Unica dei lavoratori autonomi non interessati alla presentazione della dichiarazione dei redditi precompilata.

Gli adempimenti sono stati inseriti con le loro scadenze naturali: ricordiamo che i versamenti che cadono nei giorni festivi si intendono prorogati al primo giorno feriale successivo.

Detrazioni Fiscali per Assicurazioni Vita e Infortuni

Detrazioni Fiscali per Assicurazioni Vita e Infortuni

Pubblichiamo di seguito l’articolo scritto per Lavoroediritti.com

Le Detrazioni Fiscali per Assicurazioni Vita e Infortuni sono pari al 19% della spesa sostenuta entro i limiti stabiliti dalla legge, vediamo come funziona

Le spese sostenute per premi assicurativi sono tra le più frequenti, insieme a quelle per detrazioni per spese mediche, che i contribuenti possono portare in detrazione nella propria dichiarazione dei redditi. Come nel caso delle spese mediche anche le Detrazioni Fiscali per Assicurazioni Vita e Infortuni sono pari al 19%, in questo caso bisogna considerare un tetto di spesa massimo pari ad euro 1.291,14 euro per le assicurazioni con rischio di non autosufficienza e di 530,00 euro per quelle sulla vita e infortuni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: