L’assegno di ricollocazione è una delle novità di questo 2017, in tema di disoccupazione e di politiche attive per il lavoro.  E’ un bonus per disoccupati in Naspi, denominato assegno individuale di ricollocazione, finalizzato ad aiutare le persone a rientrare nel mondo del lavoro.

Al disoccupato viene riconosciuta una somma, differente a seconda del profilo personale, da spendere presso i Centri per l’impiego o i servizi accreditati.

Lo scopo quindi di questo assegno è quello di indirizzare il disoccupato verso un nuovo impiego e non può, per questo motivo, essere speso come meglio desidera il disoccupato ma necessariamente presso centri per l’impiego, o agenzie incaricate, per la propria formazione professionale.

Assegno di ricollocazione 2017 per i disoccupati, quali requisiti

Come anticipato il requisito fondamentale è l’essere disoccupato, essere percettore di NASPI da almeno 4 mesi ed aver effettuato la propria registrazione sul sito dell’ANPAL.

Leggi anche: NASpI 2017

Essendo una formula sperimentale l’assegno non sarà, al momento, accessibile a tutti, ma attraverso una selezione causale verranno estratti 25.000 disoccupati che saranno contattati tramite posta, le prime comunicazioni sono partite a fine novembre dello scorso anno, e a loro volta entro il termine di due mesi devono completare la loro adesione al programma.