I soldi fanno la felicità?

Il mio contributo per Well Work

Se venisse posta questa domanda senza avere possibilità di riflettere, probabilmente la risposta secca sarebbe “, i soldi fanno la felicità”.

In ambito lavorativo, quindi, la diretta conseguenza sarebbe quella di preferire un aumento economico rispetto all’introduzione di un piano welfare con l’attivazione di servizi.

In realtà il denaro contribuisce alla felicità meno e molto più indirettamente di quanto si possa immaginare, e addirittura c’è chi sostiene il contrario: è del 1974 il cosiddetto paradosso di Easterlin, in cui l’economista americano sostiene che oltre una certa soglia di reddito pro capite, ulteriori aumenti dello stesso anziché accrescere o stabilizzare il livello della felicità individuale provocano diminuzioni della stessa.

Chiariamo un punto fondamentale: è evidente che avere una certa tranquillità economica possa influire positivamente anche sull’aspetto psicologico, ma a rendere felici le persone non sono tanto i soldi, ma come vengono spesi e, allo stesso tempo, il benessere della popolazione non dipende tanto dal denaro a disposizione, ma anche dai rapporti sociali, dalle condizioni ambientali, dalla salute, dall’istruzione, dalla partecipazione alla vita politica e dalle attività personali.

Questo perché una felicità basata su beni materiali è effimera: dopo aver acquistato un paio di scarpe, banalizzando, ci si sente appagati sul momento, ma dopo qualche tempo questa sensazione svanisce e torna il desiderio di procedere con un nuovo acquisto.

Procedendo in questo senso il desiderio non sarà mai appagato totalmente e i soldi non saranno mai sufficienti per esprimere ogni desiderio.

Allo stesso tempo, qual è il bene più prezioso che non si può comprare? Il tempo.

In un mondo così frenetico i soldi devono realmente essere utilizzati per comprare il tempo: un dipendente che impiega molto tempo per recarsi al lavoro, probabilmente sarà più felice se potrà godere di un orario flessibile o addirittura lavorare in modalità smart working piuttosto di ricevere un aumento economico fine a sé stesso.

La vera felicità, o quanto meno il benessere di ogni individuo, passa attraverso la sensazione di avere una qualità di vita “buona” e in questo le aziende, con un piano welfare, possono contribuire notevolmente.

Per attuare quanto sopra deve esserci un cambio di mentalità in cui l’azienda mette al primo posto le persone in quanto tali, con aspirazioni, obiettivi, esigenze e non le consideri meri lavoratori atti solo al raggiungimento di un profitto.

In fin dei conti un lavoratore soddisfatto è una persona soddisfatta.

La gestione della privacy nello smart working

Il mio contributo per Well Work

L’esecuzione del rapporto di lavoro in modalità agile, detto anche smart working, implica un’attenzione particolare alla corretta gestione dei dati trattati e dunque l’obbligo, per il datore di lavoro, di prevedere misure tecniche ed organizzative adeguate al fine di garantire la sicurezza informatica.

In egual modo sarà essenziale l’atteggiamento del lavoratore e la sua responsabilizzazione, il quale dovrà essere edotto circa i comportamenti da adottare per prevenire i rischi connessi alla vulnerabilità informatica considerando le diverse postazioni in cui può eseguire la prestazione lavorativa.

Una corretta gestione privacy all’interno dello svolgimento del rapporto di lavoro in questa modalità, va di pari passo con la stesura di un regolamento aziendale legato quanto menoall’utilizzo di internet e della posta elettronica, nonché dei dispositivi di lavoro, e la corretta trasmissione e conservazione dei relativi dati.

Questo passaggio è fondamentale perché, come abbiamo già trattato nei vari contributi, l’esecuzione del rapporto di lavoro in modalità agile non prevede una postazione fissa di lavoro, pertanto, nel momento in cui il lavoratore decide di lavorare ad esempio in uno spazio di coworking, è potenzialmente esposto al rischio di attacchi esterni.

Vediamo quali misure minime possono essere adottate.

All’interno del regolamento aziendale il datore di lavoro dovrà indicare le misure che il lavoratore dovrà adottare in ogni fase del trattamento del dato: dalla acquisizione, all’aggiornamento e conservazione nonché le modalità di eventuale diffusione del dato stesso.

Accanto a queste attività devono essere previste delle misurepuramente informatiche e tecnologiche.

A titolo esemplificativo e non esaustivo il lavoratore deve essere correttamente informato sulla gestione degli strumenti di lavoro, in modo che questi vengano utilizzati solo per scopi legati all’attività lavorativa e in modo esclusivo da un singolo utente.

Quindi i device usati devono essere protetti sotto ogni punto di vista: indispensabile l’antivirus e un sistema di backup ed anche, se può sembrare ovvio, un’adeguata password. A tal proposito, l’azienda dovrebbe dotarsi di una policy legata alla scelta dei criteri di adozione delle credenziali per evitare che il lavoratore basi la sua scelta su informazioni facilmente intuibili, diventando così attaccabile.

Di base queste regole coinvolgono quasi tutti i lavoratori, ma nel caso dello smart worker, proprio per la varietà di luoghi che può frequentare durante lo svolgimento del proprio lavoro, è necessario che siano ben delineate le regole da seguire affinché vi sia un’adeguata protezione del datostesso.

Il lavoro nobilita la donna!

Il mio contributo per Well Work

Recentemente, l’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro, ha pubblicato un interessante focus sull’occupazione femminile.

Sintetizzando quanto riporta l’analisi, è emerso che le donne, principalmente madri, non occupano un ruolo attivo nel mondo del lavoro e, qualora invece siano occupate, hanno un rapporto part time.

Le conseguenze di una simile contrazione sono notevoli, e hanno ripercussioni tanto nella vita personale di ogni donna, quanto in quella familiare e sociale.

Anche se è un aspetto meno tangibile non possiamo scordare la soddisfazione personale: il lavoro nobilita l’uomo, anche se nel nostro caso, la donna! In effetti, fare un lavoro per il quale si è studiato, o anche solo essere impegnati in un’attività che piace e fa sentire utili, rende appagati. Dover rinunciare, ovviamente, porta l’inevitabile conseguenza dell’insoddisfazione.

Al tempo stesso, se le generazioni precedenti potevano permettersi che fosse solo l’uomo a lavorare, al giorno d’oggi, considerando le spese che una famiglia deve sostenere, tra mutuo, bollette, salute ed educazione dei figli, è difficile pensare di poter avere un solo stipendio, ma capita, invece, che non essendoci delle strutture adeguate alla cura dei bambini, le donne debbano scegliere tra il lavoro e la famiglia.

Si genera così un circolo vizioso.

Non vi è dubbio che in primo luogo debba essere lo Stato a preoccuparsi di garantire un servizio efficiente e possibilmente economico per la cura dei bambini di tutte le fasce d’età, evitando così che il disservizio provochi la decisione di uno dei due genitori di rinunciare al proprio lavoro per accudire i figli, con tutto ciò che comporta l’uscita dal mondo del lavoro.

Ancora una volta le aziende possono essere i partner ideali, intervenendo per agevolare e migliorare la vita dei loro lavoratori. In fin dei conti il welfare serve a questo: portare benessere.

Tanti sono i servizi che l’azienda può erogare: dall’inserimento all’interno della propria struttura di uno spazio dedicato all’asilo per i bambini dei propri dipendenti, oppure stipulare convenzioni con strutture situate nei pressi del luogo di lavoro in modo da far risparmiare tempo durante il tragitto ai propri lavoratori.

Un’altra possibile soluzione, e forse quella che permette meno stravolgimenti, risultando altresì di più immediata attuazione, è l’introduzione dello smart working, dando la possibilità ai lavoratori di scegliere il luogo di lavoro in modo da conciliare nel miglior modo possibile tutte le attività lavorative e personali.

Houston, abbiamo un problema!

Il mio contributo per Well Work

“Houston abbiamo un problema” è la tipica frase utilizzata quando ci si trova di fronte ad una situazione imprevista, ad un problema che sembra senza soluzione.

È noto che quando c’è un problema questo diventa l’unica cosa a cui si pensa, intasando la mente, con la tendenza ad ingigantire la situazione e pensando addirittura che non vi possa essere soluzione: un circolo vizioso dal quale diventa difficile uscire.

Questo succede sia quando il problema è personale sia quando è lavorativo: la mente non è lucida, si perde concentrazione, si commettono più errori e diventando complicata anche la routine lavorativa.

Se quando viene riscontrato un problema fisico ci si rivolge ad uno specialista, la stessa cosa dovrebbe essere fatta quando il problema è psicologico. Invece è ancora raro rivolgersi ad uno psicologo: principalmente per la convinzione di poter risolvere tutto da soli e secondariamente perché una decisione di questo tipo crea tutt’ora un ingiustificato disagio.

Ma se questo disagio si riversa nell’attività lavorativa, perché non inserire la figura dello psicologo in azienda come politica di welfare?

Proporre uno spazio di ascolto dedicato ai dipendenti è un forte segnale di interesse da parte dell’azienda verso il benessere dei suoi lavoratori.

I lavoratori possono in questo modo parlare liberamente affrontando e approfondendo le complesse dinamiche lavorative e perché no, anche personali.

Affrontare problemi che sembrano insormontabili fa leva sugli aspetti dell’autovalutazione, dell’autostima e consapevolezza rispetto alle fonti di stress; il lavoratore in questo modo non si sente solo nel suo disagio, forte anche del segreto professionale cui è tenuto lo psicologo.

Lavorando così sulle fonti di stress il lavoratore sarà più sereno, la sua mente più lucida e la capacità di concentrazione e di produttività più alta.

Apparentemente il vantaggio di inserire questa figura sembra essere solo per il lavoratore, in realtà ne beneficia anche l’azienda. In primo luogo, può essere un modo per monitorare il clima aziendale diventando uno strumento di tutela per la salute psicofisica dei suoi lavoratori impattando sulla riduzione dei tassi di incidenza di infortuni ed errori: un lavoratore sereno e concertato è meno esposto a rischi.

Allo stesso tempo avere dipendenti sani influisce positivamente riducendo i costi legati all’assenteismo, al turnover e alla bassa produttività.

Il Welfare aziendale come integrazione del welfare state

Il mio contributo per Well Work

La Costituzione Italiana all’art38 recita “i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria” identificando così una prima origine di welfare.

Il cd. “Welfare State” indica un complesso di politiche pubbliche, attuate dallo Stato, volte a rispondere ai bisogni dei cittadini e garantire loro assistenza e appunto benessere.

Lo “Stato del benessere” ha quindi il compito principale di garantire servizi, al fine di migliorare le condizioni dei propri cittadini, primi fra tutti istruzione e sanità, e non meno importante sostenerli al verificarsi di eventi che possano pregiudicare la loro sicurezza economica, tipico caso in cui un lavoratore perda involontariamente il proprio lavoro e può godere temporaneamente dell’indennità di disoccupazione.

A causa però di crescenti pressioni dovute a vincoli di bilancio, che impediscono l’aumento della spesa sociale e obbligano al contenimento dei costi ed anche al cambiamento dei bisogni sociali, dato principalmente da un invecchiamento costante della popolazione con conseguente mancanza di ricambio generazionale, i bisogni sociali hanno subito una trasformazione, incidendo particolarmente su sanità e previdenza, generando in parte uno stallo nella risposta del welfare state.

Questo progressivo indebolimento nei servizi di istruzione, sanità, previdenza, messi a disposizione dallo stato sociale implica una progressiva sfiducia da parte di aziende e lavoratori.

Così la risposta a questa sfiducia arriva sempre più frequentemente dalle aziende, mettendo in atto il “Welfare Aziendale”.

Questa forma identifica somme, beni, prestazioni, opere, servizi corrisposti al dipendente in natura o sotto forma di rimborso spese, aventi finalità di rilevanza sociale ed esclusi, in tutto o in parte, dal reddito di lavoro dipendente: è quindi l’insieme delle attività previste dalle aziende al fine di promuovere il benessere dei suoi lavoratori e dei loro familiari.

Lo scopo è pressoché simile e, proprio per questa ragione, queste due modalità di welfare non devono essere pensate e viste come due realtà parallele: se il “primo welfare” o welfare state ha natura pubblica e obbligatoria garantendo servizi essenziali, il “secondo welfare” ha il compito di integrare questi servizi, perché, in primo luogo, ha una struttura più flessibile e, secondariamente, viene rivolto a categorie specifiche in relazione alle specifiche esigenze.

All’interno di ogni singola azienda, infatti, è facilmente misurabile quale servizio è ritenuto maggiormente carente a livello di welfare state, e di conseguenza l’azienda ha maggiore facilità nel programmare un welfare mirato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: