Collocamento mirato: cos’è e chi è interessato

Collocamento mirato: cos’è e chi è interessato

Pubblichiamo di seguito l’articolo scritto per Lavoroediritti.com

Lo scopo del collocamento mirato è l’attuazione della Costituzione “gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e all’avviamento professionale”

Il terzo comma dell’art. 38 della nostra Costituzione riporta “gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e all’avviamento professionale”, questo diritto viene garantito attraverso il collocamento mirato: le aziende con più di 15 dipendenti devono infatti riservare una parte dei posti di lavoro a queste categorie.

Nelle altre rubriche abbiamo trattato i vari aspetti riguardanti la vita lavorativa, e non, delle persone con disabilità e dei loro familiari, questa volta l’attenzione è spostata sul datore di lavoro e di come può, e in alcuni casi deve, inserire queste persone all’interno del proprio organico aziendale.

Leggi tutto “Collocamento mirato: cos’è e chi è interessato”

Buoni pasto: dal 9 settembre nuove regole

Buoni pasto: dal 9 settembre nuove regole

Ricevi ogni mese dal tuo datore di lavoro i buoni pasto? Presta attenzione: dal 9 settembre saranno in vigore nuove regole

 

buoni pasto, noti anche come ticket restaurant, sono mezzi di pagamento erogati dal datore di lavoro ed utilizzabili dai dipendenti per acquistare pasti o prodotti alimentari.

Domani, 9 settembre entra in vigore il Decreto n. 122 2017 del Ministero dello Sviluppo Economico che ha introdotto alcune novità in materia di buoni pasto.

Buoni pasto: ecco l’elenco degli esercizi in cui utilizzarli

Innanzitutto viene chiarito quali sono gli esercizi presso i quali possono essere utilizzati ovvero dove può essere erogato il servizio sostitutivo di mensa, e cioè:

  • negli esercizi autorizzati alla somministrazione di alimenti e bevande;
  • nelle mensa aziendale ed interaziendale;
  • nei supermercati;
  • nei locali di produzione  dei prodotti alimentari;
  • nei locali addetti alla vendita al dettaglio e per il consumo sul posto dei prodotti provenienti dai propri fondi effettuata dagli imprenditori agricoli, dai coltivatori diretti e dalle società semplici esercenti l’attività agricola;
  • nelle  attività di Agriturismo;
  • nelle attività di Ittiturismo;
  • in locali adiacenti a quelli di produzione nel caso di soggetti esercenti l’attività di produzione industriale i in cui si effettui la vendita al dettaglio di prodotti alimentari.

Leggi tutto “Buoni pasto: dal 9 settembre nuove regole”

Dipendenti pubblici e visite fiscali INPS: cosa cambia?

Dipendenti pubblici: al via il Polo unico delle visite fiscali INPS

Come cambiano le regole delle visite fiscali per i dipendenti pubblici? Dal il 1° settembre scorso è diventato operativo il Polo unico per le visite fiscali, con l’attribuzione all’INPS della competenza esclusiva ad effettuare gli accertamenti medici di controllo su richiesta delle Pubbliche amministrazioni, in qualità di datori di lavoro, e d’ufficio.

Le novità più importanti riguardano il numero dei controlli che sarà elevato e le visite verranno effettuate, maggiormente, a ridosso e durante giorni festivi e weekend; l’INPS ha precisato altresì che potranno anche essere effettuate due visite mediche di controllo al giorno allo stesso dipendente.

Leggi tutto “Dipendenti pubblici e visite fiscali INPS: cosa cambia?”

Permessi legge 104, casi di uso improprio e relative sanzioni

Permessi legge 104, casi di uso improprio e relative sanzioni

Pubblichiamo di seguito l’articolo scritto per Lavoroediritti.com

La legge prevede i permessi legge 104, ovvero dei giorni di permesso per l’assistenza di familiari disabili, ma cosa succede se si abusa di questi permessi?

La Legge 104 del 5 febbraio 1992 è la “Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate.” La norma prevede, come detto in una precedente guida, i cosiddetti Permessi legge 104, ovvero dei giorni di permesso per l’assistenza di familiari di cui alla 104, ma cosa succede se si abusa di questi permessi?

Quando si parla di beneficiari della Legge 104 si intendono, generalmente, i portatori di handicap indicando con questo termine coloro i quali presentano una minorazione di tipo fisico, oppure psichico ma anche sensoriale, la quale comporta una di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione.

Leggi tutto “Permessi legge 104, casi di uso improprio e relative sanzioni”

SCADENZE: SETTEMBRE 2017

scadenze: settembre 2017

Ecco l’elenco delle scadenze del mese di settembre.

SCADENZE DEL 16 SETTEMBRE: 

  • versamento con modello unificato (Mod.F24) delle ritenute effettuate sui compensi del mese precedente;
  • INPS: versamento con modello unificato (Mod.F24) dei contributi previdenziali ed assistenziali sui compensi relativi al mese precedente;
  • INPS – GESTIONE SPETTACOLO: versamento con modello unificato (Mod.F24) dei contributi previdenziali ed assistenziali sui compensi relativi al mese precedente;
  • INPGI: elaborazione mediante procedura DASM e presentazione in via telematica con i servizi ENTRATEL o FISCONLINE della denuncia contributiva e versamento con modello unificato (Mod.F24-Accise) dei contributi relativi al mese precedente.
  • versamento seconda rata per saldo e/o primo acconto IRPEF, imposta sostitutiva 10%, Addizionali regionale/comunale IRPEF e acconto d’imposta 20% su redditi soggetti a tassazione separata derivanti da conguagli 730.

SCADENZE DEL 30 SETTEMBRE:

  • LUL: ultimo giorno utile per l’elaborazione del LUL riferito al mese di luglio;
  • INPS: trasmissione telematica dei dati contributivi e retributivi di ciascun lavoratore relativi al mese precedente (flusso UniEMENS).

Gli adempimenti sono stati inseriti con le loro scadenze naturali: ricordiamo che i versamenti che cadono nei giorni festivi si intendono prorogati al primo giorno feriale success