Conguaglio 730 in busta paga, a luglio addebito o rimborso IRPEF

Conguaglio 730 in busta paga

Pubblichiamo di seguito l’articolo scritto per Lavoroediritti.com

Conguaglio 730 in busta paga delle imposte relative ai redditi 2016, ecco come funziona l’addebito o il rimborso IRPEF delle tasse a debito o a credito

Esaurite tutte le operazioni relative alla dichiarazione dei redditi è tempo di pensare alla modalità in cui si verificherà il conguaglio 730 in busta paga delle imposte relative ai redditi 2016.

A partire dal mese di luglio, in caso di pensionati parliamo invece di agosto o settembre, il sostituto d’imposta effettuerà il conguaglio 730 in busta paga, o nel cedolino pensione, tenendo conto dei risultati contabili evidenziati nel modello 730.

Chi è il sostituto d’imposta?

Il sostituto d’imposta è il soggetto obbligato per legge a sostituire in tutto (sostituto a titolo d’imposta) o in parte (sostituto a titolo di acconto) il contribuente nei rapporti con l’amministrazione finanziaria dello Stato.

La legge individua come sostituto d’imposta quel soggetto che è tenuto a corrispondere ad un altro soggetto le somme che costituiscono il “presupposto dell’imposta”, come

  • i datori di lavoro,
  • il committente del lavoratore autonomo,
  • l’Istituto previdenziale erogante la pensione.

La ritenuta può essere:

  • a titolo di acconto: si applica sulle somme che concorrono alla formazione di redditi soggetti alla tassazione ordinaria. È una anticipazione dell’imposta: il lavoratore al momento della dichiarazione sottrarrà dal debito la somma già trattenuta dal sostituto.
  • a titolo di imposta: si applica sulle somme che sono sottratte alla tassazione ordinaria e sono soggette all’imposta sostitutiva. L’ammontare trattenuto dal sostituto coincide con l’entità dell’imposta e quindi il sostituito non dovrà più nulla all’Amministrazione dello Stato.

Gli obblighi del sostituto d’imposta sono:

  • Ritenuta;
  • Versamento diretto (entro le scadenze fissate dalla legge);
  • Rivalsa nei confronti del sostituito sul quale gravano effettivamente le imposte;
  • Dichiarazione.

Quindi, il sostituto d’imposta trattiene all’origine, a titolo di acconto, le imposte dovute sulla retribuzione, sui compensi o su altri redditi erogati per poi doverle versare mensilmente allo Stato.

Il sostituito (ad esempio il lavoratore) non è debitore verso l’Amministrazione finanziaria, perché non è lui il soggetto che deve versare le imposte, ma, di fatto, gli effetti economici dell’imposizione fiscale ricadranno su di lui, come percettore di reddito.

Nel caso in oggetto della guida è il sostituto d’imposta che si occupa del conguaglio 730 in busta paga, ovvero dell’addebito o del rimborso IRPEF a luglio (o agosto/settembre per l’INPS).

Leggi tutto “Conguaglio 730 in busta paga, a luglio addebito o rimborso IRPEF”

Dimissioni telematiche: tutto quello che il lavoratore deve sapere

dimissioni telematiche

Il 12.03.2016 segna una data importante nel mondo delle dimissioni: da questa data infatti viene introdotta una nuova, ed esclusiva, procedura da utilizzare per dimettersi.

A distanza di più di anno facciamo il punto della situazione su tutto quello che il lavoratore deve sapere per non commettere errori.

Dimissioni telematiche: soggetti coinvolti

La procedura delle dimissioni telematiche si applica a tutti i lavorati del settore privato, ne sono di conseguenza esclusi i lavoratori del pubblico impiego e i lavoratori domestici.

Il Decreto Legislativo n.151/2015 esclude dalla procedura telematica anche le risoluzioni consensuali raggiunte tramite accordi di conciliazione in sede stragiudiziale.

Ulteriore eccezione è prevista per le lavoratrici nel periodo di gravidanza e per i lavoratori genitori durante i primi 3 anni di vita del bambino che devono necessariamente recarsi presso la Direzione del Lavoro per la convalida delle loro dimissioni.

Al contrario, per i lavoratori e lavoratrici nel periodo in cui è resa nota la pubblicazione di matrimonio e vige quindi il divieto di licenziamento, se intendono rassegnare le proprie dimissioni devono effettuare la procedura telematica.

Leggi tutto “Dimissioni telematiche: tutto quello che il lavoratore deve sapere”

Bonus asilo nido 2017: dal 17 luglio le domande all’INPS

 

bonus asilo nido 2017

La Legge di Bilancio 2017 ha confermato alcune misure a sostegno delle famiglie, già esistenti negli scorsi anni, e allo stesso tempo ne ha introdotti nuovi: alcune misure sono legati a limiti reddituali, altri spettano a tutti coloro che ne facciano richiesta senza particolari requisiti.

Partendo dalle misure confermate troviamo il “Bonus Bebè”, mentre gli altri aiuti riguardano il “bonus mamma domani”, il “bonus asilo nido” e “voucher per baby sitter”.

La Legge di Bilancio 2017 ha introdotto un bonus di tipo economico, per aiutare quelle famiglie che nel 2017 devono procedere con l’iscrizione dei propri figli all’asilo nido.

Questo beneficio prevede l’erogazione da parte dell’INPS di un importo pari a 1.000 euro da utilizzare per le spese legate all’iscrizione del figlio all’asilo nido.

Leggi tutto “Bonus asilo nido 2017: dal 17 luglio le domande all’INPS”

Assegno al nucleo familiare: nuovi livelli di reddito familiare

assegni nucleo familiare

Assegno nucleo familiare, cos’è?

L’assegno al nucleo familiare, noto anche come “ANF”, consiste in un sostegno economico per le famiglie dei lavoratori dipendenti o dei pensionati da lavoro dipendente.

Caratteristica fondamentale è che il nucleo familiare deve essere composto da più persone ed ogni anno viene determinato il reddito complessivo, del nucleo, al quale fare riferimento per ottenere gli assegni stessi.

Assegno nucleo familiare, a chi spetta

L’assegno al nucleo familiare spetta a:

  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori dipendenti agricoli;
  • lavoratori domestici;
  • lavoratori iscritti alla gestione separata;
  • titolari di pensione a carico del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, dei fondi speciali ed ex ENPALS;
  • titolari di prestazioni previdenziali.

Leggi tutto “Assegno al nucleo familiare: nuovi livelli di reddito familiare”