MOBBING SUL LAVORO: FORMA “TIPICA”

mobbing sul lavoro

Spesso si parla di “MOBBING” senza sapere cosa sia effettivamente e a quali conseguenze possa portare.

Il cd. MOBBING è una forma di molestia psicologica che può essere esercitata su diverse categorie di persone e che può configurare altrettanti illeciti: il danno da mobbing è infatti una figura di illecito civile che viene resa tutelabile attraverso il riferimento generale all’art. 2043 del Codice Civile nonché all’art. 32 della Costituzione.

Inoltre l’ambito in cui più frequentemente si manifesta è quello lavorativo, ma ultimamente, purtroppo è presente anche in altri ambiti della vita quotidiana.

Leggi anche: Mobbing forma “tipica” nel luogo di lavoro e nuovi ambiti

Leggi tutto “MOBBING SUL LAVORO: FORMA “TIPICA””

Detrazioni per figli, coniuge e altri familiari a carico

Detrazioni per figli, coniuge e altri familiari a carico

Pubblichiamo di seguito l’articolo scritto per Lavoroediritti.com

Detrazioni per figli, coniuge e altri familiari a carico, ecco la nostra guida per capire di cosa si tratta, chi ne ha diritto e il calcolo.
Le detrazioni per figli, coniuge e altri familiari a carico sono riduzioni fiscali per il contribuente dovute ad una situazione soggettiva. Infatti spettano in base sua situazione familiare, a seconda cioè che sia coniugato ed abbia eventualmente anche dei figli o altri familiari a carico potrà godere di queste ulteriori detrazioni fiscali.

Ovviamente, dato che stiamo trattando una riduzione d’imposta il presupposto fondamentale per poter usufruire delle detrazioni per figli, coniuge e altri familiari a carico è che tali soggetti siano appunto fiscalmente a carico del contribuente: questi soggetti, devono avere un reddito personale complessivo non superiore a 2.840,51 euro, al lordo delle spese deducibili.
Leggi anche: detrazioni da lavoro dipendente

Leggi tutto “Detrazioni per figli, coniuge e altri familiari a carico”

Il lavoratore in malattia, può rientrare prima al lavoro?

Il lavoratore in malattia, può rientrare prima al lavoro?

 

Il lavoratore assente per malattia è tenuto a comunicare al proprio datore di lavoro la sua assenza e la durata della stessa, dando informazione del numero di protocollo del certificato medico.

Può però accadere che il lavoratore guarisca prima rispetto alla data indicata sul certificato medico e voglia rientrare al lavoro, ci sono però delle regole da rispettare.

Guarigione anticipata: il datore di lavoro può far rientrare il lavoratore?

Il datore di lavoro, infatti, nel caso di cui sopra non può far rientrare il lavoratore in anticipo rispetto a quanto pronunciato sul certificato medico: l’INPS specifica che è un obbligo del datore di lavoro (non un facoltà) attendere la data riportata nel certificato telematico.

Leggi tutto “Il lavoratore in malattia, può rientrare prima al lavoro?”

Unioni civili e convivenza: quale disciplina in caso di successione?

Unioni civili e convivenza: quale disciplina in caso di successione?
Successioni in caso di convivenza o unioni civili

 

Abbiamo già introdotto qui la Legge n. 76/2016, entrata in vigore il 4 giugno 2016, disciplinante, da un lato, le unioni civili tra persone dello stesso sesso e, dall’altro, le convivenze.

Leggi anche: Unioni Civili cosa sono e quali diritti

Come detto con la citata legge si intende tutelare:

  • nel primo caso, l’unione civile tra persone dello stesso sesso quale formazione sociale ai sensi degli artt. 2 e 3 della Costituzione;
  • nella seconda ipotesi, la convivenza di fatto instaurata tra due persone, anche dello stesso sesso, legate da un vincolo affettivo stabile.

Leggi tutto “Unioni civili e convivenza: quale disciplina in caso di successione?”