Consulenza Del Lavoro

• Amministrazione del personale: valutazione della tipologia contrattuale più vantaggiosa ed adatta alle esigenze aziendali.
• Consulenza personalizzata direttamente in azienda
• Assistenza alle imprese in sede di organizzazione aziendale e nella pianificazione dei costi;
• Stesura del regolamento aziendale;
• Assistenza e rappresentanza in sede di contenzioso con gli istituti previdenziali, assicurativi e ispettivi del lavoro;
• Piani di welfare aziendali studiati ad hoc per ogni azienda.

Elaborazione Cedolini Paga

• Elaborazione cedolini paga per ogni settore;
• Predisposizione delle distinte per il pagamento delle retribuzioni;
• Predisposizione della distinta di versamento Mod. F24 per i contributi previdenziali e fiscali;
• Compilazione ed invio telematico modello Uniemens;
• Gestione fondi di previdenza complementare;
• Prospetto ratei;
• Prospetto T.F.R.;
• Denunce Annuali: Autoliquidazione INAIL, C.U. e 770

Dimissioni On-Line

A partire dal 12 marzo 2016 le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro dovranno essere effettuate in modalità esclusivamente telematiche, tramite una semplice procedura online accessibile dal sito Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
È possibile procedere personalmente oppure per mezzo di soggetti abilitati, tra i quali, con l’entrata in vigore del D. Lgs. 185/2016, anche consulenti del lavoro.

Rimborso 730 in busta paga: come funziona il conguaglio IRPEF

Dal mese di luglio comincia la fase di conguaglio dell’IRPEF ossia del rimborso del 730 dell’imposta a credito o a debito in busta paga o nella pensione.

Rimborso 730 in busta paga: come funziona il conguaglio IRPEF

Pubblichiamo di seguito la guida scritta per Lavoroediritti.com

In caso di credito o debito del contribuente nei confronti dell’erario scaturente dalla dichiarazione dei redditi, a partire da luglio si avrà il conguaglio IRPEF, si avrà cioè un addebito o un “rimborso 730 in busta paga” o nella pensione. Lo scorso 7 luglio è scaduto il termine di presentazione del modello 730 ordinario, mentre per chi ha adottato il modello precompilato ha ancora un pochino di tempo per inviarlo, la scadenza, infatti è al prossimo 23 luglio.

Il modello 730 contiene i dati relativi al rapporto di lavoro (reddito, familiari a carico, ritenute versate) e gli oneri deducibili o detraibili comunicati all’Agenzia delle Entrate.

Contiene inoltre alcune informazioni presenti nella dichiarazione dei redditi dell’anno precedente; quali gli oneri che danno diritto a una detrazione da ripartire in più rate annuali, i crediti d’imposta e le eccedenze riportabili, nonché altri dati presenti nell’Anagrafe tributaria come i pagamenti e le compensazioni effettuati con il Mod. F24.

Welfare Metalmeccanica Industria: cosa hanno diritto i lavoratori?

Welfare Metalmeccanica Industria: cosa hanno diritto i lavoratori?

 

La tendenza dei rinnovi contrattuali ultimamente è quella di prevedere anziché un aumento retributivo in termini monetari un’introduzione di welfare.

Opinabile il fatto che in questo modo il datore di lavoro sia costretto a elargire servizi alla totalità dei lavoratori mentre la vera natura del welfare è quella di una scelta consapevole del datore di lavoro volte a incrementare il benessere del lavoratore e della sua famiglia attraverso una concezione diversa di retribuzione, che può consistere sia in benefit di natura monetaria sia nella fornitura di servizi, o un mix delle due soluzioni.

Guida alle ferie del lavoratore: calcolo, maturazione e richiesta

Ecco una utile guida alle ferie del lavoratore, in vista del periodo dell’anno preferito dagli italiani per il riposo dal lavoro.
Pubblichiamo di seguito la guida scritta per Lavoroediritti.com

In vista del periodo dell’anno preferito dagli italiani per il riposo dal lavoro, abbiamo pensato di predisporre una utile guida alle ferie del lavoratore. Quante ferie mi spettano? Posso decidere io il periodo di ferie d’agosto o mi viene imposto dal datore di lavoro? Come si fa il calcolo ferie, come maturano i giorni e come si fa richiesta? Queste sono solo alcune delle domande più frequenti fatte da lavoratori e datori ai Consulenti del Lavoro. Cerchiamo di rispondere a queste e ad altre domande in merito.

Innanzitutto il diritto alle ferie è un diritto riconosciuto dalla nostra Costituzione che all’art. 36 lo sancisce; la Costituzione aggiunge altresì che è un diritto al quale il lavoratore non può rinunciare. Questo perché lo scopo delle ferie è quello di “fare una pausa” dal lavoro al fine di reintegrare le energie fisiche e psichiche usurate durante l’attività lavorativa.

Dal 1° luglio 2018: divieto delle retribuzioni in contanti

Dal 1° luglio 2018 i datori di lavoro ed i committenti non potranno più corrispondere ai lavoratori/collaboratori la retribuzione/compenso, nonché ogni anticipo di essa, per mezzo di denaro contante, indipendentemente dalla tipologia del rapporto di lavoro instaurato.

Vediamo le caratteristiche della norma.

Rapporti di lavoro

La preclusione all’uso del contante è prevista per qualsiasi rapporto di natura lavorativa, indipendentemente dalle modalità di svolgimento della prestazione, sia essa autonoma o subordinata (es. rapporto dipendente, collaborazione coordinata e continuativa, ecc.).

Rientrano nella disposizione anche i rapporti di lavoro instaurati, in qualsiasi forma, dalle cooperative con i propri soci (ai sensi della legge 3 aprile 2001, n. 142).

Inoltre, nessuna esclusione alla disposizione normativa può essere effettuata in relazione alla brevità del rapporto di lavoro, come, ad esempio, per quanto attiene ai contratti subordinati a tempo determinato o intermittenti; infatti, anche per detti casi, bisognerà seguire le indicazioni fornite dal legislatore in merito ai mezzi di pagamento tracciati, per le prestazioni fornite.

Quattordicesima 2018: come si calcola e quando arriva

Pubblichiamo di seguito la guida scritta per Lavoroediritti.com

La quattordicesima è una retribuzione aggiuntiva per alcuni lavoratori dipendenti, che viene corrisposta generalmente nel periodo precedente all’estate ovvero nei mesi di giugno o luglio.

Con il caldo e le belle giornate la mente vola subito ad agosto e alle tanto sognate vacanze, ma il sogno deve sempre scontrarsi con la realtà e con il portafoglio. Fortunatamente in questo periodo alcuni CCNL prevedono la corresponsione di una mensilità aggiuntiva. Vediamo insieme come si calcola e quando viene pagata.

Mensilità aggiuntiva e retribuzione differita

La retribuzione, lo ricordiamo, è il corrispettivo che spetta al lavoratore per il fatto che lo stesso abbia prestato attività lavorativa. Vi sono però situazioni in cui il lavoratore non lavora ma mantiene il diritto a percepire ugualmente la retribuzione, come nelle assenze per malattia o maternità, ed allo stesso tempo vi sono alcuni mesi in cui il lavoratore percepisce addirittura una “doppia” retribuzione (es. tredicesima e quattordicesima mensilità).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: